RISONANZA MAGNETICA FUNZIONALE DEI RENI: CORRELAZIONE TRA IMAGING E ISTOLOGIA RENALE

Introduzione

La RM funzionale con tecniche di acquisizione recenti come il diffusion weighted imaging (DWI) permette uno studio completo, sia morfologico che funzionale, dei reni senza usare mezzo di contrasto. (Chandarana H – 2009) [1] (full text)La DWI quantifica in vivo gli effetti della perfusione capillare ;dalle immagini di DWI si può calcolare il Coefficiente di Diffusione Apparente (ADC) che fornisce informazioni numeriche utili a differenziare tessuti normali e anormali e a caratterizzarli. (Macarini L – 2010) [2] 

Valori di ADC
Tessuto normale 1.80 – 2.40
Nefropatie diffuse 1.50 – 2.15
Neoplasie 0.86 – 1.25

Abbiamo quindi pianificato questo studio, volto a valutare, nella corticale e nella midollare del parenchima renale di pazienti (pz)  sottoposti a biopsia renale, l’esistenza di una correlazione tra ADC e score istologico.

Metodi e Risultati

26 pz con nefropatia cronica e normale funzione renale sono stati sottoposti a DWI e, entro 7 giorni, ad agobiopsia renale sinistra  ecoguidata (ago14 G).

Per ciascun pz sono stati calcolati (scansioni T1-pesate per confronto visuale) ADC corticale e  midollare

I parametri tecnici della RMN sono i seguenti:

  • magnete RM ad alto campo da 1.5 Tesla (Signa HD Excite, GE Healthcare) 
  • bobina ad 8 canali
  • 2D scansioni assiali (spessore di fetta: 4 mm; intervallo tra le fette: 0 mm) 
  • TR/TE: 5700/84.9 ms  FOV: 41 x 41 cm  matrice: 128 x 128
  • DWI: b values: 0-1000 mm/s2 • ROI da 4 mm

 I valori sono stati calcolati come media di 3 misurazioni fatte su una zona circolare (diametro 5 mm) della regione di interesse (ROI). In cinque pazienti – nei quali non era rilevabile una netta differenziazione tra corticale e midollare – la ROI è stata posizionata in zona sottopolare per la misura di ADC corticale e nel parenchima adiacente al tessuto adiposo sinusale per ADC midollare. Lo score istologico (SIst) (4 livelli: 0=normale, 1: lieve; 2: moderato; 4: severo) veniva assegnato indipendentemente per corticale e midollare.

La significatività statistica della correlazione tra ADC e SIst è stata valutata con test di Spearman

RISULTATI

Il valore medio di ADC corticale era 1.938 mm2/sec (range: 1.68-2.34).

Il valore medio di ADC midollare era 2.030 mm2/sec (range 1.70-2.47). Figura 1

La significatività statistica della correlazione tra ADC e SIst era modesta (p = 0.05) nella corticale ed elevata (p<0.05) nella midollare. Figura 2 Figura 3 Figura 4

Conclusioni

Nelle nefropatie croniche con normale funzione renale è dimostrabile una correlazione tra valori di ADC e quadro istomorfologico parenchimale, soprattutto a livello della midollare renale. La DWI può rappresentare un potenziale ausilio nella diagnostica istomorfologica delle nefropatie croniche senza IRC (Xu X – 2010) [3].