Attività 2011 – 2012 Gruppo di Studio degli Accessi Vascolari

Attività ottobre 2011 – settembre 2012

1. Studio multicentrico sugli accessi vascolari incidenti nei pazienti con età maggiore di 75 aa

2. Indagine tipo di attività svolta nelle nefrologie italiane nel settore degli accessi vascolari  

3. Individuazione centri pilota nelle varie regioni o macroregioni disponibili a svolgere corsi di aggiornamento e training per giovani medici e/o specializzandi

4. Avviata collaborazione con la rivista TN&D

5. Organizzazione Congresso del GdS (fig. 3 – 6)

1) Studio Multicentrico: gli accessi vascolari incidenti nell’over 75

Partecipanti

F. Milone (Acireale), C. Lomonte (Acquaviva), A. Granata (Agrigento), A. Vega, P. Di Pietrantonio (Aurelia H. Roma), V. Martignetti (Benevento), M. Fumarola, A. Pastore (Brindisi), W. Morale (AO Cannizzaro Catania), C. Taglione, A. Leveque (Città di Castello),M. Senatore (Cosenza), S. Libardi, S. Colzani (Desio), M. Lombardi (S M Ann. Mugello), M. Napoli, C. Ambrosino (Galatina), FG. Russo (Lecce), S. Russo (Locri), S. Mandolfo (Lodi), F. Pennacchiotti (Manduria), R. Giordano (Martina F.), B. Ricciardi (Milazzo), D. Bonucchi, C. Americo (Modena), P. Zamboni, A. Camocardi (II Univ Napoli), M. Tosto, L. Martinbianco (Palmanova), M. Spina (S Gavino M), G. Stefanelli (Scorrano), A. Ragusa (Taormina), A. Lo Perfido (Taranto), C. Galderisi, A. Cecilia (Tivoli), G. Leonardi, C, Guarena (Torino), G. Forneris (Torino GB), A. Bandera, P. Veniero (Trento), A. Mudoni, V. Nuzzo (Tricase), N. Tessitore, V. Bedogna (Verona).

Lo studio nasce dalla osservazione che negli ultimi anni l’aumento dell’età media dei pazienti dializzati incidenti si è associato ad un incremento della prevalenza dei CVC. Tale associazione potrebbe essere legata al tipo di AV scelto per il paziente anziano, anche se altri fattori, quali esaurimento del patrimonio vascolare, incidenza di diabete e vascolopatie, possano incidere sul fenomeno. Come GdS abbiamo ritenuto utile uno studio sull’incidenza degli accessi vascolari dell’anziano, che possa rappresentare un’istantanea su comportamento dei nefrologi italiani al cospetto dell’uremico anziano. Si è ritenuto utile verificare, oltre al tipo di accesso scelto (FAV, CVC o graft), quale tipo di fistola viene preferito per questo gruppo di pazienti. Infatti, in caso di allestimento di una FAV nel paziente anziano, in letteratura sono riportati dati contraddittori riguardo le possibilità di successo di una FAV distale rispetto ad una prossimale. Lo studio ha interessato tutti gli accessi vascolari eseguiti nei paziente con età maggiore di 75 anni dal gennaio 2009 al dicembre 2011. Sono stati inclusi i nuovi ingressi ed i pazienti già in trattamento dialitico. Sono state considerate le comorbidità più importanti quali diabete, cardiopatia ischemica, vascolopatia cerebrale e/o periferica, cancro, ipertensione. Allo studio hanno partecipato 31 centri, distribuiti su tutto il territorio nazionale (fig. 1) con il reclutamento di 1337 pazienti sottoposti a 1587 interventi (fig. 1). L’analisi  statistica dei dati sarà presentata al prossimocongresso del GdS.

2) Indagine tipo di attività svolta nelle nefrologie italiane nel settore degli accessi vascolari

I risultati saranno presentati dal Dr. D. Bonucchi in una relazione nella tavola rotonda del venerdi 9 novembre 2012 dal titolo “Ritoccare la Foto o i Soggetti?” alle ore 14.30

3) Centri Pilota

Individuazione centri pilota nelle varie regioni o macroregioni disponibili a svolgere corsi di aggiornamento e training per giovani medici e/o specializzandi. L’individuazione parte dall’autocandidatura, già sollecitata mediante e.mail agli iscritti del gruppo, sarà ulteriormente caldeggiata alle prossime riunioni del gruppo, compreso il Congresso Nazionale in corso. 

4) Collaborazione con la rivista TN&D

È stata avviata una stretta collaborazione con il comitato editoriale della rivista TND. Come qualcuno avrà già notato, quado vi è un articolo che riguarda il nostro settore, sulla testata dell’articolo è presente il logo del GdS (Fig. 2).